PDF
Stampa
E-mail

Nuova direttiva riguardo alla protezione uditiva

 

La direttiva europea 2003/10/CE, per quanto riguarda le prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori (ai rischi dovuti agli agenti fisici (rumore) risultando o suscettibili di risultare di un’esposizione) al rumore, ed in particolare il rischio per l’udito è entrata in vigore il 15 febbraio 2006. Questa nuova direttiva riduce il limite dei suoni nocividi 5 dB e contiene le esigenze seguenti per un’esposizione quotidiana al rumore di una giornata di lavoro di 8 ore coprendo tutti i rumori presenti al lavoro, compresi i rumori impulsivi :

- Quando l’esposizione al rumore supera 80 dB, il datore di lavoro mette protezioni acustiche individuali alla di posizione dei lavoratori.

- Quando l’esposizione al rumore è uguale o superiore a 85 dB, i lavoratori utilizzano protezioni acustiche individuali.

Questa nuova direttiva introduce anche la nozione di valore limite di esposizione : l’esposizione del lavoratore al rumore non può superare i valori limiti d’esposizione di 87 dB. Per l’applicazione dei valori limiti d’esposizione, la determinazione dell’esposizione effettiva del lavoratore al rumore tiene conto dell’attenuazione assicurata dai protezioni acustiche individuali indossate dal lavoratore. Le protezioni acustiche individuali sono scelte per eliminare il rischio per l’udito o per ridurrlo per quanto possibile.

Portare une doppia protezione

Portare una doppia protezione acustica ( stringitesta e tappi antirumore ) puo’ rivelarsi necessario durante l’esecuzione di lavori particolarmente rumorosi (120 dB in piu’). Studi hanno dimostrato che la riduzione offerta dagli apparati combinatiera inferiore alla somma delle reduzioni oferta dai ogni aparato. Questo si spiega non solo dall’accoppiamento meccanicoacustico che c’è tra gli apparati ma anche dalla limitazione del passaggio dei soni tra il canale ossoso, particolarmente nelle frequenze alte, che corte circuita la itesta atengono dei valori vicini a 40 dB.

Fonte : INRS, ND 1789-140-90